Sfide aperte alla 100th Targa Florio

07 maggio 2016 Rally

L'equipaggio Andreucci-Andreussi è in testa sulla Peugeot 208 T16 ma tallonato a 3 decimi da Basso-Granai sulla Ford Fiesta a gas e da uno scatenato Andrea Nucita, anche lui su Fiesta, navigato dal fratello Giuseppe, primi dei siciliani. Domenica gran finale a Cefalù

La 100th Targa Florio non delude le attese. Con una sola prova speciale di 1,8 km da disputare in serata nel bagno di folla di Collesano, i giochi del sabato della corsa più antica del mondo e per la vittoria finale di domenica sono completamente aperti. Accesa e incerta la sfida tra gli attuali leader Paolo Andreucci e Anna Andreussi sulla Peugeot 208 T16 ufficiale e Giandomenico Basso e Lorenzo Granai sulla Ford Fiesta alimentata a gas preparata dalla BRC. Andreucci, dopo aver vinto la prima speciale di giornata, ha sferrato l'attacco aggiudicandosi tutte le tre prove del pomeriggio a Lascari, Gratteri e Pollina, costringendo Basso, vincitore ieri sera della PS1 di Collesano e in mattinata della PS3 a Gratteri, a inseguire, seppure staccato di appena 3 decimi di secondo. Scatenato anche il messinese Andrea Nucita, con il fratello Giuseppe sulla Peugeot 208. Il primo tra i siciliani, ha conquistato la terza posizione assoluta a 14”7 dai leader, aggiudicandosi la PS4 di Pollina in tarda mattinata.

In lotta per il podio è il veronese Umberto Scandola, navigato da Guido D'Amore sulla Skoda Fabia R5 ufficiale, che al momento ha consolidato la quarta posizione ed è tornato all'attacco dopo che nelle tre prove della mattina ha dovuto gestire un calo alla pressione del turbo. Più incisivo rispetto alle prime speciali, dove ha preferito maggior cautela, è stato il romagnolo Simone Campedelli, che per ora completa la top-5 con Danilo Fappani sulla Peugeot 208. Stesso modello anche per gli immediati inseguitori, gli idoli di casa Marco Runfola e Totò Riolo, che ha recriminato per una scelta di gomme non azzeccata nelle prove del mattino.

Tra i ritiri più eclatanti della giornata quello del palermitano Domenico Guagliardo su Porsche 997 GT3, tradito da un semiasse allo start della PS3 “Gratteri” e pronto a rientrare in gara-2 domenica. Nel Tricolore Junior splendide la lotta per il successo e l'alternanza al comando tra il palermitano di Prizzi Marco Pollara e il molisano Giuseppe Testa, entrambi su Peugeot 208 R2. Nonostante un rallentamento dovuto a un concorrente meno veloce nella PS4 “Pollina 1”, Pollara è riuscito a riprendere il rivale in gara e per il titolo al secondo passaggio sulla stessa prova nel tardo pomeriggio. Nel 2 Ruote Motrici ha preso il comando delle operazioni dalla prima speciale di giornata a Lascari il reggiano Ivan Ferrarotti sulla Renault New Clio R3C.

Domenica 8 maggio è la giornata decisiva della 100th Targa Florio. Le auto da rally dovranno coprire ulteriori 6 tratti cronometrati e riprenderanno il via alle 5.50 per dirigersi alle storiche Tribune di Cerda. Da Floriopoli alle 6.37 scatterà infatti la Special Stage denominata “Targa 100”, 6,4 km fino a Cerda, voluta in un luogo simbolo appositamente per questa speciale edizione. A seguire primo passaggio sulla PS9 “Campofelice di Roccella” (14,4 km) con start alle 7.19 e sulla PS10 “Piano Battaglia” (13,8 km) alle 7.48. I protagonisti del Campionato Italiano Rally faranno ritorno al Lungomare per il riordino delle 9.38 e al Targa Florio Village per l'assistenza delle 10.33. Quindi secondo “giro” sulle due precedenti speciali rispettivamente alle 11.20 e alle 11.49 e rush finale con il terzo passaggio sulla “Campofelice di Roccella” alle 13.47. Il traguardo conclusivo l'ennesimo l'ennesimo bagno di folla per il centesimo podio della Targa Florio alle 14.45 in Piazza Duomo a Cefalù. Per domenica diretta streaming su wwww.acisportitalia.it dalla prova speciale “Campofelice di Roccella 2” con collegamento a partire dalle 11.30 circa.

La giornata di sabato emette in serata i verdetti definitivi per quanto riguarda la competizione del Campionato Regionale, i cui protagonisti concluderanno la gara nel cuore di Campofelice di Roccella. In testa dopo 4 delle 8 prove totali, malgrado qualche noia alla frizione e all'assetto, c'è il nisseno Claudio Fabrizio La Rocca, navigato da Claudio Palermo sulla Mitsubishi Evo X di classe R4. A tallonarlo a una manciata di secondi c'è un altro nisseno, Roberto Lombardo, che non ha mancato di far sentire la propria esperienza sulla Renault Clio Williams. Terzo al momento il trapanese Bartolomeo Mistretta al debutto sulla Renault New Clio di classe R3T.

Partner Istituzionali

  • Automobile Club Italia
  • AC Palermo
  • Regione Sicilia
  • Città di Palermo
  • ACI Storico
  • ACI Sport